PIANIFICARE LA LISTA DELLA SPESA IN BASE AL MENU’

Quarto appuntamento

Eccoci al quarto e ultimo appuntamento dell’argomento “come risparmiare sulla spesa comprando meglio”; dove spiego come pianificare la lista della spesa

img_0994Quindi, una volta fatto il menu settimanale, Stendere una lista della spesa diventa assolutamente un gioco da ragazzi:

  • Mi siedo in cucina con il menu settimanale davanti;  la dispensa aperta con i miei elenchi appesi e contrassegnati; due appunti di quello che ho nel frigorifero; scrivo tutto quello che devo comprare al supermercato.

  • Faccio la spesa seria, come la chiamo io, una volta la settimana; mentre vado 1 o 2 altre volte per il latte piuttosto che il pesce o la frutta mancante; ma sono assolutamente spese volanti.

  • Vado sempre ad inizio settimana lunedì o martedì (raramente può capitare anche di domenica).  Per due ragioni: primo perchè c’è molta meno confusione e secondo perchè il tutto viene pianificato di domenica.  Si parte poi il lunedì con il piano d’attacco.

Strategia

Vi espongo qui solo quelli che sono i punti fondamentali che riguardano la lista della spesa e la spesa stessa:

  1. La lista della spesa ci fa sicuramente risparmiare tempo anche se se ne perde un po’ quando la si deve stilare.E’importante però attenervisi quando si è nel supermercato.

  2. Comprare i “prodotti a marchio” e non fissarsi su un marchio specifico che magari abbiamo sentito alla pubblicità. Tutti i supermercati hanno una loro linea di prodotti a marchio; dai detersivi al latte fresco, che oltre ad essere ottimi, sono sicuri perché controllati dal marchio che li ha commissionati. Ci fanno risparmiare parecchio non pagando la pubblicità.

  3. Comprare solo verdura e frutta di stagione che prima di tutto è la più saporita e gustosa ed è anche meno cara, non andare a cercare le primizie che oltre a sapore quasi inesistente hanno un prezzo proibitivo.

  4. Attenzione al prezzo al kg: io guardo sempre e confronto il prezzo al chilo degli alimenti. Provate a pensare ai sacchetti di insalata lavata, vi siete mai soffermati a guardare quanto costano al Kg??? Se trovate in offerta qualcosa prima di acquistarlo fate un confronto con il prodotto senza marca o con il marchio del supermercato sul prezzo al chilo e poi decidete se vale la pena di approfittare dell’offerta.

  5. Il 3 x 2 è sicuramente invitante ma soffermarci un’attimo a farci la domanda se i 3 kg di biscotti ci serviranno tutti o  poi dovremmo mangiarceli anche a cena per consumarli prima della scadenza. Sui detersivi è già un discorso diverso anche se ho notato che le offerte sono cicliche e uno o l’altro lo trovate sempre in offerta quindi non è il caso di riempirsi lo sgabuzzino.

  6. Comprare le confezioni risparmio o famiglia invece che le monoporzioni e poi congelare la parte che non ci serve come per esempio il petto di pollo, io trovo che sia utile congelare senza però farsi prendere la mano anche in questo.

  7. Cercare di fare in casa il più possibile (dal soffritto al sugo della pasta…) e poi congelare delle monoporzioni pronte all’uso, però, capisco anche, che non tutti amano cucinare o non ne hanno il tempo.

  8. Se dovete prendere degli affettati prendeteli al banco salumeria e non quelli già confezionati anche se in offerta. Qualitativamente non ci sono paragoni e se poi guardate il prezzo al chilo anche se in offerta sarà sicuramente molto superiore.

  9. In qualche supermercato poi ho visto anche dei frigoriferi con dei prodotti vicino alla scadenza con offerte veramente vantaggiose. Se quel prodotto rientra nella lista della spesa, perchè non approfittarne.

  10. Un ultimo punto su cui vorrei soffermarmi è la lista perpetua della spesa. Per me ha un’importanza vitale nella stesura della lista della spesa. Non sono altro che quegli elenchi che vi avevo spiegato nell’organizzazione della dispensa; con contrassegnati i prodotti che mancano nelle scorte e che aggiungo alla lista della spesa (metodo favoloso per non rimanerne senza)

Ok penso di avervi già annoiato anche troppo. Molti di voi saranno già stati a conoscenza di queste mie dritte, spero comunque, per qualcuno, di avere dato qualche spunto utile.

Maria Carla Libè

Add Your Comment